Lucrezia Borgia, Donizetti

Sulla genesi dell’opera, rappresentata il 26 dicembre 1833 al Teatro alla Scala, la letteratura non è pacifica, almeno in base a quello che ho trovato io: Celletti, in un suo saggio dedicato all’opera in questione (v. La grana della voce), premettendo anch’egli che le fonti sono discordanti, avanza l’ipotesi che a Donizetti fu traferito l’incarico … Continua a leggere

Pubblicità

Mioli, “Manuale del melodramma”

Melomane. Non sarà granché, ma resta l’unica parola capace di sostituire le perifrasi: il maniaco del canto, l’appassionato della lirica, il frequentatore del teatro d’opera, l’intenditore e il competente della musica fondata sul melos. (P. Mioli, Manuale del melodramma)

Celletti, “La grana della voce”

«Ma perché baccano per una stecca? Qui subentra la funzione deleteria dei mezzi di comunicazione di massa e in particolare della televisione. L’invadenza, la petulanza, l’incompetenza dei cronistelli e delle cronistelle sguinzagliati per celebrare l’evento, anzi l’EVENTO, dell’apertura della Scala, propagano i bacilli dell’ignoranza tra gli strati più sprovveduti e creduloni del pubblico. Non s’è … Continua a leggere

Chiappini, “Folli, sonnambule, sartine”

Innamorate, folli, vittime, sonnambule, le donne sono le protagoniste del melodramma, che trova il centro emotivo e fantastico nelle loro pene e nei loro ardori; sia che vestano i panni di regine, sacerdotesse o di semplici paesane, le eroine operistiche conducono il gioco che si conclude immancabilmente con la loro immolazione sacrificale. Da Medea a … Continua a leggere

Rosselli, “L’impresario d’opera”

Nell’Italia operistica dell’Ottocento – come nella Hollywood degli anni d’oro – la macchina dello spettacolo raggiunge livelli di irripetibile produttività. Si afferma una solida e capillare organizzazione nella quale è centrale la figura dell’impresario, ex cantante, ex ballerino, nobile dilettante o affarista puro. Come venivano allestite, finanziate e gestite le stagioni, quali i vincoli contrattuali … Continua a leggere