Della Seta, “Le parole del teatro musicale”

Che cos’è una cavatina? Che cosa vuol dire “pertichino”? Che differenza c’è tra un’opera buffa e un opéra-comique? Quali sono i principasli generi del teatro musicale spagnolo? Che cosa fail maestro sostituto? Nel rispondere a queste domande, il testo, agile e denso di informazioni, prende in esame la grande tradizione dell’opera italiana, francese e tedesca, ma allarga lo sguardo anche al mondo iberico, slavo e anglosassone. Attraverso un excursus che va dal medioevo all’attualità, il volume ripercorre i vari generi d’intrattenimento, la molteplicità delle forme di espressione (verbale, gestuale, coreografica, scenografica, non escluse quelle offerte dalle tecnologie multimediali) e le loro infinite possibilità d’interazione.

[Quarta di copertina]

Finalmente il “vocabolario” che stavo cercando da tempo: un volume che definisca il “glossario della lirica”. Per l’esercizio della melomania è indispensabile riuscire a capire i “paroloni” che capita spesso di leggere in giro, sia nella stampa specialistica che presso melomani competenti. Allo stesso modo risulta utile apprendere queste parole anche per poterle sciorinare in una conversazione, non tanto per guadagnare la stima dell’interlocutore quanto piuttosto per convincersi della propria. Volete mettere l’effetto che ottiene una frase farcita, per l’appunto, con “pertichino” piuttosto che la sghangherata perifrasi che si dovrebbe improntare su due piedi per essere capiti? Bisogna, però, essere cauti e non abusarne: non essere mai troppo specifici né contestualizzare troppo se non si vuole correre il rischio di fare un uso improprio dei vocaboli. La scelta conveniente è quella di menzionare parolone simili senza soffermarcisi a lungo per scongiurare il pericolo che nell’essere troppo specifico chi ascolta capisca che dell’accezione di detti vocaboli in realtà non ci si abbia capito una ceppa.

Comments
One Response to “Della Seta, “Le parole del teatro musicale””
Trackbacks
Check out what others are saying...
  1. […] volumetto va inteso complementare all’altro libro di Della Seta, “Le parole del teatro musicale“, che da questo infatti eredita la veste grafica. Citando la quarta di copertina, […]



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: