Terni, “Giorgio Manganelli, ascoltatore maniacale”

Come molti altri, questo è stato un acquisto “a scatola chiusa”: l’ho comprato online basandomi sul solo titolo, non avendo trovata riportata da nessuna parte la quarta di copertina. Avendo conosciuto la scrittura di Manganelli in due suoi lavori, “Centuria. Cento piccoli romanzi fiume” e “Salons“, da cui rimasi affascinato – senza riuscire a metabolizzare del tutto tutta quella profusione di immagini e suoni che inonda le pagine, in un flusso continuo che vorticosamente catalizza nella lettura – e avendo letto da qualche parte che era un melomane, speravo che avrei avuto tra le mani un libro in cui lo scrittore con il suo inchiostro magico dipingeva con parole le note delle opere più amate.
Si da il caso che Manganelli ascoltava, a differenza mia (per il momento), anche molta musica sinfonica, e anche di quella, a quanto pare, era ascoltatore maniacale. Il risultato è la scoperta di un libricino da leggere tutto d’un fiato che riporta cinque puntate radiofoniche in cui era ospite per parlare delle pagine sinfoniche a lui più care. La lettura è comunque molto piacevole: del resto è la stessa penna che mi incantò nei “cento romanzi fiume” di “Centuria“.

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: